lunedì 29 settembre 2014

Recensione: The Amazing Spider-Man 2- Il Potere di Electro


Un passo avanti e tre passi indietro.
Che si trattasse di una squallida manovra di Sony per tenersi stretti i diritti cinematografici e spremere la gallina dalle uova d'oro fino allo sfinimento... beh, era chiarissimo fin dal primo annuncio del reboot, ma in fondo The Amazing Spider-Man, nonostante i numerosi scricchiolii, era un film convincente.
A parte per Lizard. Stiamo tutti cercando di dimenticare Lizard.
Il nuovo franchise ha tuttavia impiegato solo due capitoli per raggiungere i fasti di Spider-Man 3.
Più villain! Più subplot inutili! Più imbarazzanti buchi di sceneggiatura!
Andrew Garfield ed Emma Stone dimostrano un'incredibile alchimia, e la relazione tra Peter Parker e Gwen Stacy è uno dei punti di forza della pellicola, ma il resto è quasi tutto da buttare. E' evidente l'intenzione di Sony di porre le basi per un megafranchise à la Marvel, con una serie di blockbuster interconnessi, ma sfortunatamente la mitologia dell'Uomo Ragno non è così vasta come quella dei Vendicatori.
Un film di Spider-Man dovrebbe incentrarsi sul personaggio, e non perdere tempo a imbastire film successivi senza una direzione precisa.



The Amazing Spider-Man 2 è un brutto film con un bel film che fa capolino tra le crepe. C'è del buono nel film di Marc Webb, ma quel buono è sepolto sotto una tonnellata di interferenze degli studios e stupidaggini assortite, ed è un peccato.
Ora, io non sono uno di quelli che "SONY DEVE RIDARE I DIRITTI PER SPIDERMAN ALLA MARVEL COSI' C'E' PURE LUI IN AVENGERS 3." Sarebbe divertente se succedesse, ma Spider-Man, anche nei fumetti, rende meglio in solitario. E poi Sony non si separerà mai da una delle sue proprietà più redditizie. Il film non avrà avuto incassi stellari, ma nessuno sta pensando di liberarsene. Anzi!
Dopo la tiepida accoglienza riservata a TASM2 (circa 708 milioni di dollari worldwide, il peggiore dei 5 film usciti) Sony ha spostato The Amazing Spider-Man 3 dal 2016 al 2018, e ha in programma di lanciare 3 (!!!) film legati allo "Spider-Manverso".



  • Sinister Six, previsto per novembre 2016 e diretto da Drew Goddard. Il film riprenderà la storia di TASM2 e sarà incentrato sull'omonimo gruppo di villain.
  • Venom Carnage, in uscita nel 2017, avrà per protagonista l'antieroe Venom, già apparso al cinema (sigh) in Spider-Man 3. Alex Kurtzman (AAARGH) alla regia e alla sceneggiatura.
  • Uno Spin-Off Femminile, molto probabilmente incentrato sulla Gatta Nera, sempre nel 2017.
Ora, non per gufare, ma la strategia per salvare una serie legata ad un personaggio così amato dal pubblico non è "PIU' FILM A CASO".
TASM2 ha dovuto sopportare il peso di un franchise non ancora nato nè tantomeno progettato a tavolino, e il risultato si è visto: una pellicola schizofrenica, a tratti comica, a tratti tragica, ingarbugliata in cospirazioni e intrighi senza sviluppi decenti.
Un vero peccato, ma cosa ci aspettavamo? Il secondo Spider-Man di Raimi resta ancora il miglior film sull'Uomo Ragno, e pure quello è anni luce da ciò che vorrei vedere sul grande schermo.
Ma tranquilla Sony, continua pure a copiare la Marvel sfornando film di supereroi a caso, perchè è proprio quello il segreto del successo.
Chiedi alla Fox o alla Warner.

venerdì 26 settembre 2014

I Libri del Goblin: Hard Magic


Gli anni '30: un'epoca travagliata, in cui le ferite della Grande Guerra erano ben lungi dall'essersi rimarginate e il crollo di Wall Street aveva provocato una reazione a catena di disperazione e malcontento.
La tenue pace mondiale viene mantenuta grazie alle Torri Tesla sparse per il globo, formidabili deterrenti in grado di annientare intere armate.
La Germania del Kaiser, anni dopo la sconfitta subita, è un paese in rovina e Berlino, la capitale, un cratere fumante infestato da morti viventi.
Il Giappone, sotto la guida del cancelliere Okubo Tokugawa, è una superpotenza xenofoba temuta da chiunque.
Giganteschi zeppelin solcano i cieli nelle metropoli.
Questo è il mondo di Jake Sullivan, investigatore privato, ex-veterano di guerra pluridecorato, ed ex-galeotto.
Un mondo diverso dal nostro, e pieno di persone che- come Sullivan- sono dotate di poteri straordinari, in grado di cambiare radicalmente la storia.
Queste persone vengono chiamate Attivi, e la loro comparsa ha stravolto gli equilibri mondiali.


Avevo già parlato di Larry Correia in altre occasioni, in particolare per la sua splendida saga Monster Hunter, e tornare a recensire questo autore straordinario è un vero piacere.
Hard Magic è il primo volume della trilogia delle Cronache del Grimnoir, proseguita con Spellbound e col recente Warbound, ed è divertente come pochi altri romanzi.
Immaginate gli X-Men in salsa hardboiled, con un'ambientazione ucronica e affascinante, oltre che ben costruita.
Il libro sfiora tranquillamente le 600 pagine, ma credetemi- si legge in maniera talmente scorrevole che vi ritroverete alla fine senza quasi accorgervene. 
L'abilità di Correia nel muovere i suoi numerosi personaggi, siano essi buoni o cattivi, e nell'alternare scene d'azione al cardiopalma con sequenze più improntate sui dialoghi è monumentale.
Protagonisti e comprimari sono ben delineati e ciascuno serve la sua funzione all'interno della storia. Il granitico Jake, l'imprevedibile Faye, il violento Madi... perfino Tokugawa, nonostante sia il villain principale, è un personaggio estremamente complesso in grado di affascinare il lettore.
Il glossario al termine del volume, contenente le descrizioni di tutti i Poteri e i tipi di Attivi conosciuti, dà ulteriore profondità al romanzo e un certo tocco da GDR.




Un action movie distillato su carta- ma con un'intelligenza di gran lunga superiore al blockbuster hollywoodiano medio.
Una serie da non perdere per tutti gli appassionati di supereroi, noir,pulp e storie alternative. Troverete tutti pane per i vostri denti!


domenica 21 settembre 2014

Minuetto News Express #3: Microsoft compra Minecraft! Il Film di Deadpool! Grumpy Cat al Cinema!


La scorsa settimana un tremito ha percorso il World Wide Web: una notizia del calibro di "Disney compra Marvel Comics" o "JJ Abrams dirige Episodio VII": Microsoft ha acquistato il celebre videogame sandbox/simulatore di Lego Minecraft per 2,5 MILIARDI DI DOLLARI,
Poveri polli, io l'ho pagato 19 euri quella volta!
L'impressionante manovra garantisce a Micro$oft i diritti di sfruttamento per il popolarissimo videogame, e anche Mojang (la compagnia da cui è nato Minecraft) fa ora parte della famiglia. Notch, il creatore di Minecraft, ha deciso di salutare la sua ormai troppo ingombrante creatura e tornare a sviluppare piccoli progetti indie. Buona fortuna, pacioccone! Per quanto mi riguarda, hai fatto più che bene.



Un altro tremito ha poi percorso Internet, facendo bagnare di piacere migliaia di nerd. Vista l'incredibile accoglienza per il test footage recentemente leakato "per sbaglio apposta" dopo il Comic-Con, 20th Century Fox ha annunciato che il film di Deadpool si farà, e l'uscita è prevista per il  12 Febbraio 2016. Ryan Reynolds sarà quasi sicuramente il protagonista. Dopo gli ultimi tonfi (Lanterna Verde e RIPD) il poveretto ha effettivamente bisogno di qualcosa di valido, e tornare nei panni del Mutante Mercenario Chiacchierone potrebbe essere un toccasana.
E poi lo aveva già interpretato bene nella prima metà di X-Men Origins:Wolverine.
Ve lo ricordate X-Men Origins:Wolverine, vero?
No?
Bravi.



Per concludere con la sezione "WHY GOD WHY": il film di Grumpy Cat si farà davvero, il titolo sarà Grumpy Cat's Worst Christmas Ever,  e Aubrey Plaza doppierà lo scorbutico gatto nel film. Nessuna notizia sulla data d'uscita, ma il mio fine intuito mi suggerisce che non sarà in agosto.
Quando i meme diventano film, l'Apocalisse non può essere tanto lontana.
Ma sicuramente ne verrà fuori una validissima pellicola per tutta la famiglia! Dopotutto non si è mai visto un gatto ironico e scorbutico sul grande schermo.
Sfruttando il nostro abbondante charme siamo riusciti a reperire un'immagine originale del film:


Alla prossima settimana per altre oltraggiose notizie!
Potete leggere gli arretrati cliccando qui!

venerdì 19 settembre 2014

I Libri del Goblin: Kaiju Rising-Age of Monsters


La Settima Arte ci ha regalato numerosi film incentrati su mostri colossali- i kaiju dell'immaginario giapponese- entrati di diritto nell'immaginario collettivo. Godzilla e Gamera, con relativi sequel e spin off, King Kong, Cloverfield, Pacific Rim...
Vedere intere città rase al suolo da creature impossibili ha un certo fascino.
Ma quanti libri dedicati ai kaiju esistono? Gran pochi. 
Escludendo i due fantastici romanzi di Jeremy Robinson, Project Nemesis e Project Maigo, di cui parleremo in futuro, e il nostrano Alessandro Girola con I Mecha di Napoleone III, tutto il resto del materiale reperibile è composto da volumi illustrati, fumetti e novelization dei celebri Godzilla & Co.
Che deve fare un poveraccio per leggere storie originali di robot giganti che prendono  colossi impossibili a cazzotti?
Ragnarok Publications  ha notato questo vuoto e ha provvidenzialmente lanciato un Kickstarter di grande successo: grazie ai loro sforzi è nato Kaiju Rising, una fantastica antologia completamente incentrata sui "cugini" di Godzilla.




La cura e l'entusiasmo riposti nel progetto, nella sua realizzazione e nel prodotto finito sono davvero incredibili, e le varie storie contenute nel volume sono un piacere da leggere.
L'antologia presenta una serie di racconti dalle sfumatura più disparate, mettendo in chiaro che le potenzialità del genere sono infinite.
Il setting è quasi sempre lo stesso: un kaiju che rade al suolo la città, o attacca gli esseri umani.
In alcuni racconti, l'umanità riesce a contrastare le creature con ingegno, tecnologia o magia.
In altri, la battaglia è stata persa: mostri giganti dominano la Terra o peggio, hanno intenzione di distruggerla completamente.
In altri racconti ancora, le creature sono i veri protagonisti.
Ambientazioni e generi cambiano di racconto in racconto, da classiche atmosfere da disaster movie all' horror apocalittico, passando per steampunk, ucronia, satira, commedia, fantascienza e action a tutto tondo.
Robot giganti contro mostri alieni nel Secondo Dopoguerra? Check.
Colossali tartarughe bicefale che proteggono la Terra da altri mostri? Check.
Alligatori non-morti alti come grattacieli? Check.
Monaci shaolin contro mostruosità provenienti dalle viscere del sottosuolo? Check.
Malvagi giganti che pretendono sacrifici umani? Check.
Ce n'è per tutti i gusti!



Kaiju Rising mette in campo un'impressionante squadra di autori che dovreste aver già sentito nominare, tra cui Larry Correia (Monster Hunter International, Hard Magic), James Lovegrove (The Age of Ra, The Age of Zeus), Peter Clines (Ex-Supereroi VS Zombie, 14), Jonathan Wood (No Hero, Yesterday's Hero), e numerosi altri, per un totale di 25 racconti.
In quanto backer del progetto mi ritengo decisamente soddisfatto del risultato finale: la qualità delle singole storie è alta, e non riesco proprio a scegliere la mia preferita!
Kaiju Rising-Age of Monsters è fortemente consigliato a tutti gli amanti dei mitici mostri giganti, ma anche a chi vuole leggere fantascienza molto particolare. Complimenti vivissimi a Ragnarok, casa editrice da tenere sicuramente d'occhio.
(Si, voglio un sequel!).
PS: Ragnarok Publications ha lanciato un nuovo Kickstarter: BLACKGUARDS: Tales of Assassins, Mercenaries, and Rogues, dedicato agli antieroi del fantasy. Mancano 5 giorni e il traguardo è stato ampiamente superato: accaparratevi quegli stretch goals!

PPS: Come sempre vi lascio il link per acquistare il libro di cui abbiamo parlato. Enjoy!